di nascita,  d'adozione o per caso

HOME

A  B  C  D  e  F  G  h  i L  M  N  O  P  q  R  S  V  Z

ALLEGRI ILARIO
San Secondo 1737/1758
Nel 1737 ricoprì l’ufficio di commissario feudale di San Secondo. L’Allegri l’8 aprile 1758 fece richiesta di cittadinanza parmigiana, che gli fu concessa il 20 giugno dello stesso anno.
FONTI E BIBL.: M. De Meo, in Gazzetta di Parma 23 novembre 1998, 13.

 

ALLEGRI LINDA
San Secondo 11 aprile 1857-
Soprano. Studiò canto alla Regia Scuola di musica di Parma dal 1874 al 1878. Debuttò a Mantova al Teatro Sociale nel Carnevale 1878-1879 in Aida e Promessi Sposi di Ponchielli. A Parma fu udita il 28 giugno 1878 in un concerto vocale al Teatro Reinach a beneficio degli inondati del po e delle vittime dell'eruzione dell'Etna. Si esibì poi a Voghera (1879), Milano e Corfù (1880). Nel 1880 si ritirò dalle scene.
FONTI E BIBL.: Alcari; Amadei; Dacci; G.N. Vetro, Voci del Ducato, in Gazzetta di Parma 10 gennaio 1982, 3.

 

ALLEGRI LUIGI

San Secondo Parmense, 6 agosto 1948 -

Scrittore e studioso di teatro italiano.

Professore ordinario di Storia del teatro e dello spettacolo presso il Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società dell’Università di Parma, di cui è diventato Direttore nel luglio del 2012. Dall'a.a. 2003/2004 all'a.a. 2009/2010 è stato Presidente del Master universitario di I livello in Scienze e tecniche dello spettacolo e per gli a.a. 2008/09 e 2009/10 del Master universitario di I livello in Organizzazione dello sport e dello spettacolo sportivo - MOSS. Collabora con la casa editrice Laterza, dirigendo la serie “Nel laboratorio del teatro” e condirigendo la serie “Istituzioni dello spettacolo”. Fa parte del comitato di redazione della rivista "Il castello di Elsinore" e di "European Medieval Drama Council".In seguito alla pubblicazione del testo sulla teatralità medievale, è stato per il periodo 1992-95 Presidente della S.I.T.M. (Société Internationale pour l’étude du Théâtre Médiéval). Dal 2004 al 2007 è stato Presidente della Consulta Universitaria Teatrale. Nel 2013 ha curato la sezione teatrale del X volume della Storia di Parma, monumentale opera edita da MUP, nella quale ha anche pubblicato il saggio principale. Nel 2014 il Magnifico Rettore dell'Università di Parma lo nomina Presidente dello CSAC, il Centro Studi e Archivio della Comunicazione, lo straordinario archivio-museo della cultura visiva contemporanea fondato da Arturo Carlo Quintavalle.

 

 

ALLEGRI PIETRO PAOLO
San Secondo 4 giugno 1741-Parma 15 agosto 1815
In Busseto professò la Regola francescana il 9 gennaio 1764, assumendo il nome di Bernardino. Scrisse: Modo pratico, breve e facile per fare la Santa Via Crucis, ricavato da un’Appendice delle Stazioni, che i PP. Osservanti presentarono al Pontefice in un Capitolo Generale celebrato in Roma. Del P. Fr. B.o da S. S.do M. O. 1777 e Origine della Corona delle sette allegrezze di M. V. SS.ma. Divozione mirabilmente introdotta nell’Ordine dei Minori della Regolare Osservanza da Essa Vergine per mezzo d’un suo divoto; approvata da’ Sommi Pontefici e condecorata dai medesimi dell’Indulgenza Plenaria. Aggiuntovi in fine il modo di recitarla. Estratta dagli Annali dell’Ordine da un Religioso del medesimo Istituto l’anno 1778 (ms. in Archivio provinciale francescano).
FONTI E BIBL.: G. Picconi, Uomini illustri francescani, 1894, 266-267.

 

  ALLEGRI VITO
 

 ALLEGRI LUIGI    

Nato a San Secondo il 6 agosto 1948

Pronipote di Vito, laureato in lettere all'Università di Parma, dal 1985 è docente di storia del teatro e dello spettacolo presso l'Istituto di musicologia nello stesso Ateneo. E' stato presidente della Société Internationale pour l'étude du Théâtre Médiéval (1992-95) e nel giu. 1994 è stato nominato assessore alla cultura del Comune di Parma, incarico che comporta anche la responsabilità della conduzione del Teatro Regio.
Studioso del teatro, ha svolto studi storici rivolti alla teatralità medievale, allo spettacolo settecentesco e al teatro contemporaneo. Oltre a un'intensa attività quale autore di volumi sul teatro, di saggi e relatore a convegni, ha redatto voci per dizionari, collabora con riviste teatrali, e dirige collane per gli editori Laterza di Bari e Zara di Parma.

 

ARMANZONI ERMES
San Secondo Parmense 11 gennaio 1916-San Secondo Parmense 23 agosto 1980
Figlio di un suonatore di banda, fu avviato dal padre allo studio della musica e si diplomò in oboe come alunno interno del Conservatorio di Parma nel 1939. Prima di dedicarsi alla professione di orchestrale, insegnò musica e canto nelle scuole professionali del paese natale. Per molti anni suonò come I oboe nell’orchestra sinfonica della Radio di Torino, in quella del Teatro Comunale di Bologna, e partecipò a diciannove stagioni all’Arena di Verona. Lavorò anche all’estero: Il Cairo, Johannesburg, Detroit, Boston, Buenos Aires e in Canada. Al termine della carriera, si ritirò nel paese natale, dove fu nominato consigliere comunale del Partito Socialista Italiano.

FONTI E BIBL.: San Secondo, 1982, 59; G.N. Vetro, Dizionario, 1998.

 

ARMANZONI VITALE
San Secondo 1832-post 1864        Falegname.

Nel 1864 fu schedato dal Ministero dell’Interno perché attivista repubblicano.
FONTI E BIBL.: P. D’Angiolini, Ministero dell’Interno, 1964, 25.

 

ASSANDRI WILLIAM (Licinio)

 

AZZALI LIONELLO
San Secondo Parmense ante 1897-post 1915
Fu decorato con una medaglia d’argento al valor militare, con la seguente motivazione: Facendo parte di una squadra di tagliafili continuava ad avanzare benché ferito e tentava il taglio dei reticolati, sotto il tiro nemico, ripiegando soltanto dopo essere stato ferito una seconda volta ed in seguito ad ordine del proprio ufficiale.

FONTI E BIBL.: Aurea Parma 3/4 1915, 196.